Videocomunicazione integrata in WebRTC

In questo video il Senior Sales Manager di Bandyer, Paolo Di Gregorio, parla dei sistemi di videocomunicazione e collaborazione integrata in cui è specalizzata la sua azienda. Perché sono diventati più importanti che mai? Che cosa differenzia e quali vantaggi comporta una soluzione specializzata da quelle più generaliste? Scopriamo come la WebRTC ha reso possibile tutto questo.

Chi è Bandyer e come funziona?

Bandyer è una piattaforma, basata su tecnologia WebRTC, che permette la videocomunicazione direttamente da browser senza dover installare alcun software, offrendo la possibilità di effettuare videochiamate in modo semplice e veloce, comunicando con tutti i processi e sistemi esterni. È un sistema aperto e libero per il cliente, non ha barriere di utilizzo e compatibilità, rendendo la comunicazione facile e puntuale. Bandyer implementa tutti i punti forza della tecnologia WebRTC, lo fa rendendo il sistema realizzato estramente semplice da utilizzare e renderlo compatibile con tutti i device e i diversi sistemi operativi attualmente in uso.

Cosa valutare in un sistema integrato?

Oggi più che mai abbiamo assistito alla necessità di utilizzare sistemi di videocomunicazione con funzionalità di collaborazione per il lavoro e per mantenere le relazioni con i propri clienti nel mondo corporate o utenti. Il mondo corporate non può fare a meno, per svariate ragioni, di integrare queste soluzioni all’interno dei propri sistemi. Vediamo insieme quali sono i pro e i contro che portano a determinare la bontà di una soluzione integrata?

Una buona soluzione di video collaborazione integrata deve presentare:

  • Semplicità di utilizzo da parte dell’utente finale.
  • Compatibilità con i principali device e sistemi operativi.
  • Semplicità di entrata in chiamata.
  • Integrabilità con i sistemi corporate già sviluppati.

Ma, al contrario, diversi possono essere i punti di debolezza:

  • Incompatibilità tra i sistemi e difficoltà di integrazione con i sistemi aziendali.
  • Necessità di dover scaricare dei software esterni per utilizzare lo strumento di collaborazione.

Privacy e sicurezza dei dati

Oggi il mondo corporate, spinto dall’attuale situazione legata alla pandemia, è spinto dalla necessità di comunicare con i propri clienti ricorrendo a questi strumenti di video collaborazione. Privacy e sicurezza dei sistemi sono temi molto delicati che necessitano strumenti sicuri, con protocolli sicuri e dati criptati.

Conclusioni

Oggi sono tantissimi gli usi e i campi di applicazione della videocomunicazione e collaborazione: finance & banking, ingaggio commerciale, formazione, eventi live, telemedicina, virtual shopping, ecc.

Oggi la tecnologia è abbastanza matura. Se abbinata agli strumenti e alle giuste compenze è possibile sviluppare delle ottime soluzioni integrate senza rinunciare alla privacy e alla sicurezza dei dati personali. Continuerò a seguire l’argomento WebRTC con particolare attenzione agli aspetti tecnici e ai campi d’applicazione in cui la videocomunicazione si sta diffondendo.

Al prossimo video 🙂